Disegni delle tribù

Quelli di origine tribale sono tra i più antichi e nobili disegni in uso nell’arte della tessitura iraniana. Sono prevalentemente eseguiti senza canovaccio, cioè a memoria.

La natura, gli animali e gli oggetti più amati e usati dai componenti delle tribù e dagli abitanti dei villaggi sono raffigurati in questi disegni con straordinaria vivacità.

I colori vivi e la bellezza semplice e attraente che li caratterizzano sono tali che, non di rado, gli acquirenti più raffinati di tappeti preferiscono i manufatti decorati con questo genere di rappresentazione ai tappeti pregiati e perfettamente rifiniti provenienti dai laboratori di città. A volte i disegni delle tribù sono conosciuti con il nome delle zone di produzione, come Mazlaqàn, Ferdous, Veis; altre volte portano il nome dei diversi ceppi di una stessa famiglia, come Heibat-lu; a volte ancora, si chiamano come i capi-condottieri regionali: Salar-Khàni, Yaqub- Khàni e ’Ali-mirzà’i.

La quasi totalità dei motivi ornamentali delle tribù è realizzata in stile geometrico o stilizzato.

Si possono includere in questo gruppo anche i disegni del Qashqà’i, dei Turcomanni, degli Afshàr, dei Lor, degli Shàh-savan e delle altre tribù iraniche, in virtù delle loro origini tribali e per la qualità e lo stile in cui sono tessuti.