Ricucire il bordo

Durante la tessitura, dopo ogni fila di nodi, le trame tra un ordito e l’altro vengono attorcigliate ai lati del tappeto, attorno agli ultimi fili di ordito che in questo modo restano strettamente collegati fra loro, poi si cuce un filo distinto (di lana o di seta, secondo il tipo di tappeto), lungo il tappeto, sugli orditi laterali, dall’inizio della tessitura fino all’ultima fila di nodi. Questa tecnica a cui si dà il nome di shiràze-duzi, ha la stessa funzione protettiva della cimosa ed è la parte più esposta al deterioramento e alla consun­zione; questo è il motivo per cui nel corso dell’esistenza di un tappeto viene rinnovato più volte, senza peraltro diminuire il valore ed il pregio del manufatto.