Il lavaggio dopo la tessitura

Al termine della tessitura, il tappeto staccato dal telaio deve essere ripulito dai frammenti e dai fili rimasti sulle trame, sugli orditi e sul vello, perciò va lavato.

Questa operazione rende lucide e brillanti le fibre di lana, e fa sì che il vello assuma una naturale posizione distesa e il disegno appaia più nitido.

Con il lavaggio spariscono anche gli eccessi di colore delle matasse e la tinta del tappeto si fa uniforme e più gradevole.

Il lavaggio del tappeto è un’operazione tecnica che, se eseguita in maniera scorretta, può causare il mescolarsi dei colori fra loro.

Si può ovviare a questo inconveniente con l’esperienza e con l’aiuto di alcune sostanze chimiche, ma è più conveniente, per una buona riuscita del lavoro, provare la resistenza del colore prima del lavaggio, in particolare per i toni rossi e blu.

A volte, alcuni tappeti lavorati con tonalità di colore scure, per soddisfare maggiormente il gusto e il senso estetico dei clienti dei mercati occidentali, vengono lavati con procedimenti chimici, o nei paesi acquirenti, o anche in Iran.

In questo modo le sostanze coloranti assorbite dalle fibre si ossidano, e prende forma, nel tappeto, una variazione di colore relativamente attraente.